Notice: Undefined index: aiosp_license_key in /var/www/vhosts/terredarezzomusicfestival.it/httpdocs/wp-content/plugins/all-in-one-seo-pack/aioseop_class.php on line 5808
Concerto "Anima Italiana". Roseto Botanico di Cavriglia. 28/07/2017 | Terre d'Arezzo Music Festival

Venerdì 28 luglio 2017, ore 21.15
Cavriglia. Roseto Botanico “C. Fineschi”
ANIMA ITALIANA
Matteo Cossu, violino
Gabriele Pezone, pianoforte

Arcangelo Corelli (1653-1713)
Sonata in Re minore op. 5 n. 12 “La Follia” per violino e pianoforte (arrangiamento Léonard)

Niccolò Paganini (1782-1840)
Cantabile in Re maggiore
La Campanella (dal concerto n. 2 per violino ed orchestra)

Tommaso A. Vitali (1663-1745)
Ciaccona in Sol minore

G. Verdi-A. Bazzini (1813-1901)(1818-1897)
Fantasia su temi della Traviata Op. 50

Matteo Cossu ha iniziato giovanissimo lo studio del violino, diplomandosi presso il Conservatorio “Morlacchi” di Perugia sotto la guida di Georg Mönch. Ha proseguito la propria formazione presso l’Accademia Nazionale di S. Cecilia a Roma conseguendo i diplomi di Alto Perfezionamento in violino con Sonig Tchakerian e in musica d’insieme con Rocco Filippini; si è inoltre perfezionato con Pier Narciso Masi, Pierre Amoyal, Giuliano Carmignola e Trio di Trieste. Come solista e in duo violino e pianoforte si è esibito presso il Salone Chigi Saracini di Siena, il Museo Revoltella di Trieste, il Kleines Studio di Salisburgo, l’Église des Gésuites di Sion, per gli Istituti Italiani di Cultura di Vienna, Sydney, Hong Kong, etc.
Collabora stabilmente con l’orchestra da camera Concerto Barocco di Roma, con cui esegue come solista le Quattro Stagioni di Vivaldi. Parallelamente all’attività di strumentista ha conseguito la laurea triennale in Arte, musica e spettacolo e la magistrale in Filologia moderna. È vincitore di borsa di studio triennale al dottorato di ricerca in musicologia dell’Università di Pavia, pubblica regolarmente saggi e articoli in riviste specializzate. Attualmente collabora con il Centro Studi Tartiniano per la pubblicazione dell’Opera Omnia di Giuseppe Tartini.

Gabriele Pezone ha studiato pianoforte con Antonio Luciani, diplomandosi presso il Conservatorio di Latina in Pianoforte e in Musica Corale e Direzione di Coro. Ha studiato inoltre Organo, Improvvisazione organistica e Direzione d’Orchestra, perfezionandosi in organo con Mariella Mochi ed Olivier Latry e in pianoforte con Alessandra Ammara e Roberto Prosseda. Si è esibito come pianista e organista in Croazia, Francia, Svezia, Australia, Danimarca, Spagna, Hong Kong e Nuova Zelanda. La sua attività principale è la direzione d’orchestra, vantando collaborazioni con orchestre in tutto il mondo: Vidin State Philharmonic Orchestra (Bulgaria), Orquesta Sinfonica del Estado del Mexico, l’Orquesta Sinfonica de Yucatan, Orchestra Filarmonica di Kalisz (Polonia), Orkestra Akademik Baskent (Turchia), la Southern Arizona Symphony Orchestra e la Las Colinas Symphony Orchestra (USA), l’Orchestra Cantelli di Milano e l’Orchestra Sinfonica di Sanremo (Italia), l’Orchestra dell’Opera dell’Ucraina, la Cairo Symphony Orchestra (Egitto), la North Czech Philharmonic Orchestra (Repubblica Ceca) nella prestigiosa Smetana Hall a Praga, etc. Ha diretto numerose opere liriche ed è fondatore dell’Orchestra da Camera ”Città di Fondi”. Sue esecuzioni sono state trasmesse da TVP (Polonia), da RaiUno e da RaiTre. Ha registrato per Amadeus.